Home Page

16.07.08

genova repubblica "Noi e loro sappiamo tutto percio' adesso ci offende una mezza condanna"


Fornasier, lo psicologo torinese che si costitui' parte civile
"Noi e loro sappiamo tutto percio' adesso ci offende una mezza condanna"
"In realta' questo e¨ l´ennesimo capitolo di una violenza umiliante che non
si e¨ mai fermata"

MARCO PREVE

«Io so come sono andate le cose a Bolzaneto. Lo sappiamo noi e quelli che
sono stati condannati o assolti. E questa è una verità che va aldilà di
qualsiasi sentenza». Evandro Fornasier, torinese, è una delle centinaia di
parti offese del processo Bolzaneto, ed è difficile dire se il fatto di
essere uno psicologo lo abbia o meno aiutato a superare il trauma di sette
anni fa. Certo, non si sente aiutato dalla sentenza.
«Ho letto le prime notizie su internet l´altra sera e poi sui giornali il
mattino successivo - racconta Fornasier -. Provo sconcerto e amarezza per
un esito che non mi aspettavo. Gli elementi prodotti dall´accusa e le
tutte le prove, le testimonianze, insomma pensavo che avrebbero portato ad
una sentenza diversa. Mi rendo però conto che la magistratura in questi
anni ha vissuto in un forte isolamento, in un contesto di "non sostegno"
politico e istituzionale».
La sentenza, anche quando è di condanna, fa venire meno quel corollario di
aggravanti che potevano avvicinarsi al reato, tuttora assente in Italia,
di tortura.
«Ogni tappa, anche quest´ultima - risponde lo psicologo -, è stata
un´ulteriore violenza vissuta in altra forma. E´ duro vedere che norme e
leggi che esistono in altri paesi, in Italia continuino a mancare. Così
come e¨ triste assistere a certe dichiarazioni di alte cariche
istituzionali, oppure alla promozione di funzionari coinvolti nel processo
Bolzaneto o in altri episodi del G8 di Genova. Eventi che comportano per
me e tanti altri ulteriori umiliazioni, che certo non aumentano la fiducia
nella societa' in cui viviamo».
Dopo la sentenza, la voglia di partecipare alle battaglie civili che la
portò a Genova nel 2001 e¨ venuta meno? «Non ha modificato la mia
attenzione e sensibilitĂ - conclude Fornasier -, anche se la forma di
partecipazione dipende dalla situazione o da altri fattori. Certo è che,
da allora, non mi avvicino volentieri ai rappresentanti delle forze
dell´ordine, e la stessa diffidenza la provo nei confronti di certe
istituzioni. Io ho visto come hanno lavorato contro di me come cittadino.
Ripeto, io so come sono andate le cose a Bolzaneto».

.
.