Home Page

30.11.06

Il manifesto Genova 2001 Il racconto del carabiniere che sparo’ in Piazza Alimonda

il manifesto

Genova 2001 Il racconto del carabiniere che sparo’ in Piazza Alimonda
Ora la commissione sul G8 .
Ma l'Unione si divide

Rifondazione comunista e’ la piu’ convinta.
Bisogna indagare sull'inquietante tessuto di menzogne da parte delle forze dell'ordine nei confronti dell'omicidio di Carlo Giuliani al G8 di Genova dice il capogruppo
al Senato Giovanni Russo Spena. Graziella Mascia del Prc, prima firmataria di una delle due proposte di legge, si dice addirittura ottimista:
Sono convinta che ci siano i margini per fare la commissione in tempi rapidi.
La fronda all'interno dell'Unione che si e’ sempre detta contraria e’ sempre meno consistente.
Credo che la commissione potrebbe cominciare
a discutere della sua istituzione gia’ dalla prossima settimana .
Il resto della coalizione non fa i salti di gioia.
Tolta la sinistra radicale - al cui interno le posizioni sono tutt'altro che univoche - chi sarebb= disponibile a parlare di quel che e’ accaduto a Genova nel luglio del =
2001, come un pezzo dei Democratici di sinistra, ieri si guardava bene dal dirlo pubblicamente.
Molto piu’ forte parlano i contrari, a cominciare
da Angelo Piazza della Rosa nel pugno e dal capogruppo dell'Italia dei valori Massimo Donadi che si fa un vanto di essere stato da sempre contrario ad una inchiesta che si occupi di mettere di mettere sotto accusa le forze dell'ordine del nostro Paese nel loro complesso.
Qualunque sara’ il destino della commissione di inchiesta sul G8, le dichiarazioni fatte su Calabria ora da Mario Placanica aiuteranno ben poco a sciogliere i nodi di quel che e’ accaduto il 21 luglio in piazza Alimon=
da. Da quando ha cominciato a rilasciare interviste a scadenze fisse il carabiniere che sparo’ contro Carlo Giuliani ha cambiato piu’ volte versione (l'ultima la vedete qui sotto).
Ora dice di non essere lui ad uccidere quel giovane che si paro’ davanti al defender in cui era chiuso, ma n=
on ha mai azzardato ipotesi su chi possa averlo fatto. Anzi piu’ Placani=
ca parla, piu’ i punti oscuri su quel che accadde in piazza Alimonda aum=
entano. Haidi Giuliani e’ convinta che non abbia detto tutto quel che sa=
, che possa raccontare ancora e che per questo dovrebbe essere protetto d=
a una scorta: Se e’ vero, come dice, che non ha ucciso lui Carlo perc=
he’ ha sparato in aria e’ stato indotto a mentire per coprire il vero a=
ssassino su quella camionetta , spiega. Ma anche sulla dinamica che ha =
raccontato all'epoca dell'inchiesta sul G8, facendosela confermare dal co=
llega Raffone, i conti non tornano. I due dissero che Placanica si era ac=
cucciato sopra a Raffone per proteggerlo e invece se fosse vero che il gi=
ovane carabiniere calabrese sparo’ verso l'alto senza guardare dove anda=
vano i colpi sembra difficile credere che il colpo che uccise Giuliani si=
a stato esploso dall'alto e non dal basso.
Il terreno e’ scivoloso e lo sar a’ ancora di piu’ se davvero si discut=
er a’ dei compiti della commissione parlamentare di inchiesta sul G8. Olt=
re al testo firmato da Graziella Mascia e dai parlamentari dell'Unione la=
commissione Affari costituzionali ha di fronte un testo dei comunisti it=
aliani che propongono di discutere anche delle violenze di piazza da part=
e dei black block . Su una linea non troppo diversa si muove l'Itali=
a dei valori, contraria all'inchiesta ma disposta ad accettarla solo se l=
avorer a’ sulle violenze e le devastazioni poste in essere dai cosidde=
tti black block e con finalit a’ che siano comunque quelle proprie della =
politica e non della magistratura ordinaria . E poi c'e’ il fronte di =
quelli contrari comunque, a cominciare dal leader dell'Udc Pier Ferdinand=
o Casini, passando per il presidente della commissione Affari costituzion=
ali, Violante, per finire con il presidente del Senato Franco Marini che =
giusto una settimana fa ha tagliato netto: Vedrei bene che questo prob=
lema venisse chiuso .
---------------------------
Chi ha ucciso Carlo non era nel Defender
Rifondazione, Pdci e Verdi tornano alla carica e chiamano in causa il cap=
o della polizia De Gennaro: il racconto del militare e’ inquietante, bis=
ogna fare chiarezza. Contraria l'Italia dei valori. E l'Ulivo sta a guard=
are La nuova verit a’ di Mario Placanica sull'uccisione di Carlo Giuliani=
: io ho sparato in aria, a uccidere e’ stato qualcuno dall'esterno della=
camionetta. Quando sono rientrato in caserma mi hanno festeggiato cos=EC=
: benvenuto tra gli assassini
Catanzaro
Killer, benvenuto tra gli assassini . Cos=EC i colleghi accolsero Ma=
rio Placanica subito dopo che, il 20 luglio 2001 in piazza Alimonda, un p=
roiettile uccise Carlo Giuliani. Dicevano morte sua vita mia e cerc=
avano di convincerlo che era stato lui ad ammazzarlo. Ma io ho esploso=
due colpi in aria, non ho mirato . Placanica, il carabiniere indagato =
per la morte di Giuliani, torna a parlare di quanto avvenne al G8 di Geno=
va. Racconta quei momenti a bordo del Defender da cui, si disse, part=EC =
il colpo mortale. Parla. E fornisce una versione diversa da quella uffici=
ale. Non e’ la prima, anche se stavolta accusa i carabinieri e si dice d=
isposto a collaborare con la famiglia Giuliani. E racconta. Di quanto =
fossero contenti in caserma , dei colleghi che hanno fatto festa e c=
antavano canzoni su Carlo . Erano tanto soddisfatti del suo lavoro che =
gli hanno regalato un basco del battaglione Tuscania. Oggi Placanica amme=
tte di non credere alla storia del proiettile deviato da un calcina=
ccio e che colp=EC Carlo Giuliani alla testa, quella che gli ha consentit=
o di non essere giudicato. E' un film , dice, chi ha sparato e uc=
ciso era sicuramente all'esterno della nostra camionetta . Parole da pr=
endere col beneficio dell'inventario ma che potrebbero riaprire il capito=
lo dell'uccisione del giovane no global, dopo l'inchiesta avviata dal pm =
Silvio Franz e archiviata dal Gip Elena Daloiso. Spiega Placanica: Que=
l giorno ci avevano detto di stare attenti. Molti di noi erano carichi e =
non so se per l'uso di qualche droga. Sta di fatto che c'era una certa ag=
itazione .
Il giovane ausiliario calabrese partecipo’ alle cariche sul lungomare. L=
=EC venne dato alle fiamme un blindato dei carabinieri. Lui sparava lacri=
mogeni per disperdere la folla. Ma per il maggiore Cappello non stava fac=
endo un buon lavoro. Mi prese il lanciagranate - ricorda - perche’ di=
sse che non ero capace. Stavo sparando a parabola, come mi e’ stato inse=
gnato. Lui incomincio’ a fare fuoco ad altezza uomo, colpendo in faccia =
le persone. Cose allucinanti .
E' a questo punto che Placanica si sente male. Viene accompagnato verso p=
iazza Alimonda. Poche centinaia di metri piu’ in l a’. Un percorso che l=
'ex carabiniere non riesce a dimenticare: Per la strada ho visto picch=
iare a sangue, dal colonnello Truglio e dal maggiore Cappello, alcune per=
sone con la macchina fotografica. Poi ho cominciato a vomitare e mi hanno=
fatto salire sul Defender in Piazza Alimonda . A bordo - racconta -=
c'era Catavaio, carabiniere in ferma biennale, e Baffone, un ausiliario =
seduto dietro, insieme a me. Accanto a noi c'era un'altra camionetta con =
a bordo il colonnello Truglio. Il responsabile del nostro mezzo era il ma=
ggiore Cappello .=20
Cos=EC, quando partono i manifestanti, i carabinieri scappano . C=
i hanno superato - aggiunge - noi abbiamo fatto retromarcia e ci siamo in=
castrati in un cassonetto della spazzatura . La testimonianza di Placan=
ica, a questo punto, prefigura uno scenario tutto nuovo. La tragedia, pro=
babilmente, si poteva evitare: Ci hanno lasciati soli, ci hanno abband=
onato. Potevano intervenire perche’ c'erano i carabinieri e anche gli ag=
enti di polizia. Potevano fare una carica per allontanare i manifestanti =
e invece non hanno fatto niente . Placanica perde sangue. Tira fuori la=
pistola e carica. Non vedevo praticamente nulla, ero quasi steso. Sol=
o Baffone era un po' piu’ alzato. Mi e’ arrivato l'estintore sullo stin=
co e l'ho ributtato giu’ scalciando . Poi spara due colpi. In aria,=
ne sono convinto . Ma Carlo Giuliani e’ a terra. Morto. Il suo passam=
ontagna e’ zuppo di sangue. Dopo gli spari - dice - sul Defender e’ =
salito un altro carabiniere che si chiama Rando e ha messo lo scudo sul v=
etro che avevano rotto. Davanti e’ salito il maresciallo del Tuscania di=
cui non ricordo il nome. E siamo partiti! Da questo momento in poi Ma=
rio Placanica scivola in buco nero. La sua vita si trasforma. Viene porta=
to in ospedale. Firma le cartelle, viene dimesso e condotto in caserma. =
Qui mi hanno detto che avevo ucciso un manifestante . Sono le 23. Mi=
hanno interrogato, messo sotto pressione . Un'ora di domande. Fino all=
a visita da parte di un medico militare. Mi dicevano che stavo male, ma io mi sentivo benissimo . Gli hanno prescritto l'Aldol, uno psicofarmaco fortissimo. Dormivo venti ore al giorno. Tutte quelle medicine mi hanno rovinato. Ora non ne prendo piu’ e ho deciso di parlare. Voglio scoprire anch'io tutta la verit a’. Mi sono trovato in un ingranaggio piu’
grande di me. Avevo paura ma sono troppe le cose poco chiare in questa s=
toria . A cominciare dai filmati: Molti saranno stati distrutti, altri sono stati sequestrati. Sarei curioso di vederli . Poi le indagini sul corpo di Carlo Giuliani: Perche’ ci hanno lavorato alcuni militari? Perche’ gli hanno fracassato la testa con una pietra? . Placanica aspetta risposte. Oggi come ieri: Una volta ho telefonato al maggiore Cappello. Mi ha detto di non avere dubbi. Che lui aveva saputo dell'accaduto solo alle 20, ma dalle immagini e’ accanto al corpo. Io non ho sentito altri spari, pero’ anche i colleghi che erano dentro al Defender non hanno sentito i miei colpi. Credo che cremare il corpo di Carlo Giuliani sia stato un errore. Si sarebbe potuta scoprire qualcosa in piu’ . Dice
di volere la verit a’, fino in fondo: Sarei contento di poter collaborare con i familiari di Carlo per arrivare a capire tutto . Gli ultimi cinque anni sono stati, per lui, maledetti . Dopo che l'Arma l'ha scaricato, ha cercato fortuna in politica candidandosi, con An, alle comunali di Catanzaro. Quindi uno strano incidente stradale. Fra il capoluogo calabrese e Crotone, la sua Ford Focus usc=EC di strada. Rischio’ la paralisi per quello che i suoi avvocati definirono un incidente inspiegabile . Oggi racconta un altro G8 e tende la mano ad Haidi e Giuliano Giuliani. A loro, un tempo, voleva chiedere un risarcimento per il suo mancato reintegro nei carabinieri e per non aver trovato un impiego .
-----Strasburgo
Il caso Giuliani alla Corte europea
Le vicende che portarono alla morte di Carlo Giuliani, il 20 luglio 2001,
finiranno anche davanti alla Corte europea di Strasburgo. Il 5 dicembre sar a’ esaminata l'istanza presentata dai genitori e dalla sorella di Carlo, nella quale si sostiene che la sua morte e’ dovuta ad un uso eccessivo della forza e che l'organizzazione delle operazioni per ristabilire l'ordine pubblico non sono state adeguate . In piu’, i ricorrenti rilevano che l'assenza di soccorsi immediati ha comportato la violazione degli articoli 2 e 3 della Convenzione dei diritti dell'uomo, ossia il divieto di trattamenti inumani. La famiglia Giuliani lamenta di non aver avuto una vera inchiesta perche’ non sono stati ascoltati alcuni testimoni e alti responsabili della polizia e sostiene che uno degli esperti nominati dal pubblico ministero e che ha sviluppato la tesi di un proiettile deviato da una pietra lanciata in aria avrebbe pubblicato poco tempo prima un articolo favorevole alla tesi della legittima difesa. Infine, benche’ l'inchiesta abbia interessato due carabinieri, diversi atti investigativi sono stati affidati ai carabinieri .

.
.