Home Page

26.09.07

lavoro "Certo, i no global si sono fatti male da soli"

lavoro repubblica

LŽironia di Riccardo Messina, coordinatore Fgci
"Certo, i no global si sono fatti male da soli"
le reazioni

«Ha ragione Alessandro Perugini. Nella caserma Bolzaneto e - ne siamo sicuri - anche alla scuola Diaz, non ci fu alcuna violenza». Il coordinatore nazionale della Fgci, la federazione giovanile del Pdci, Riccardo Messina, ironizza sulle dichiarazioni rese ieri in aula dal funzionario di polizia. Messina continua nel suo amaro paradosso: «Evidentemente i manifestanti del G8 - presi da una improvvisa furia autoomicida - si sono fatti male da soli: fratturandosi braccia, gambe e testa. Solo per il gusto e la soddisfazione di accusare i poliziotti italiani». Alessandro Perugini, allora numero 2 della Digos, aveva il compito di controllare e sovraintendere allŽarrivo dei fermati. Che furono oltre trecento, in quelle giornate di luglio. Non ho assistito personalmente ad episodi di violenza, ha ripetuto più volte il funzionario. «Non entriamo nel merito dellŽinchiesta della magistratura genovese - insiste Messina -, ma troviamo davvero tristi le dichiarazioni del dottor Perugini, alla luce anche delle numerosissime testimonianze, le ultime in ordine di tempo trasmesse su Rai3 nellŽinchiesta di Carlo Lucarelli. Molti di noi erano lì: le cose sono andate assai diversamente». Ieri nel corso dellŽudienza uno degli avvocati delle parti civili, Stefano Bigliazzi, ha cercato di riallacciarsi proprio alla vicenda Diaz - i 93 no-global fermati nella scuola, tranne naturalmente quelli ricoverati in gravi condizione allŽospedale per le riferite riportate nel corso dellŽirruzione, finirono tutti a Bolzaneto - ma il presidente Renato Delucchi non ha considerato pertinente il riferimento.

.
.