Home Page

04.07.08

Repubblica Genova Diaz, due molotov salvano il processo

epubblica Genova

Diaz, due molotov salvano il processo
La regina delle prove false diventa un boomerang e puo' impedire lo stop di
un anno
Sul porto d´armi ruota l´intero procedimento e il dibattimento non e¨
azzoppato

MASSIMO CALANDRI

DOPO sette anni di attesa. Dopo centinaia di udienze, dopo i racconti
drammatici dei ragazzi massacrati. Dopo le polemiche per la sconcertante
collaborazione fornita dalla polizia nel corso delle indagini. Dopo le
confessioni di chi partecipò a falsificare le prove, e i tentativi di
spostare altrove il dibattimento. Dopo le molotov «accidentalmente»
distrutte, i ricordi «pilotati», i questori accusati di testimoniare il
falso e De Gennaro indagato. Dopo tutto questo, la prospettiva è che
l´emendamento allegato al decreto-sicurezza del governo Berlusconi
cancelli anche l´ultima speranza di avere giustizia. Trattandosi di reati
"minori" (violenza privata, lesioni, falso, calunnia, perquisizione
arbitraria) e commessi prima del 2002, il processo per l´assalto
sanguinario alla scuola Diaz rischia seriamente la sospensione di un anno.
E sarebbe come strapparla, questa pagina nera nella storia della Polizia
di Stato. Sarebbe come se nulla fosse accaduto.
Ma ci sono quelle bottiglie incendiarie, di mezzo. Furono piazzate dalle
forze dell´ordine nella scuola di via Battisti per incastrare i no-global
e giustificare il pestaggio, gli arresti illegali, lo spiegamento di
forze. Oggi i poliziotti maledicono due volte la loro creatura, la regina
delle prove false: perché ha fatto da impalcatura a questo processo, e
tutto suggerisce che ne impedirĂ la sospensione. Due dei 29 imputati - il
vice-questore Pietro Troiani, l´agente Michele Burgio - devono infatti
rispondere di porto di "armi da guerra": le molotov, appunto, che
sistemarono nell´istituto scolastico la notte del 21 luglio 2001. E
un´imputazione del genere non rientra nell´emendamento che manderebbe a
ramengo il processo Diaz. Una perfetta nemesi insomma, una giustizia
compensatrice.
L´entrata in vigore dell´emendamento è attesa per la metà del mese. A quel
punto, toccherĂ al presidente della sezione - Gabrio Barone - decidere il
destino di questo dibattimento. Riccardo passeggi, uno degli avvocati
protagonisti del processo Diaz, prova a sintetizzare. Le ipotesi sono tre.
«Uno: la stragrande maggioranza dei reati in questione rientra
nell´emendamento, l´episodio del porto di armi da guerra - riguardando due
soli imputati - finisce insieme agli altri e scatta la sospensione». «Due:
l´episodio del porto di armi da guerra viene stralciato, nascono due
processi. Quello per le molotov va avanti, l´altro viene sospeso». «Tre:
intorno al porto di armi ruota l´intero procedimento, l´episodio trascina
anche le altre accuse ed il dibattimento va avanti comunque».
Ci sono buone ragioni per credere che la terza ipotesi sarĂ quella
definitiva. Se lo augurano naturalmente anche i pubblici ministeri che
sostengono l´accusa. Spiega, Francesco Cardona Albini: «La presenza di un
reato che esclude oggettivamente la sospensione del processo, e¨ un valido
motivo per non sospendere». Il porto delle armi da guerra e¨ strettamente
connesso a tutte le altre imputazioni, e tutto e¨ assolutamente
indispensabile all´accertamento del fatto. Indissolubile. Dunque, il
processo si farĂ . Analogo augurio da parte dell´altro pm, Enrico Zucca.
«Il governo Berlusconi allora fu complice di quelle violenze, e oggi cerca
di bloccare il processo». Lo sostiene Vittorio Agnoletto, allora portavoce
del Genoa Social Forum. «E´ fondamentale che il processo sulle violenze
alla Diaz si concluda, e non venga sospeso a causa della salva premier. Se
la sentenza di primo grado dovesse confermare i reati di cui i 29 imputati
- nonché tutori della legge nelle giornate del G8 di Genova - sono
accusati, sarebbe un passo importantissimo per la ricerca di verita e
giustizia su quelle giornate cilene: sospendere un processo su quella
pagina nera della storia d´Italia sarebbe un atto ignobile».

.
.