Home Page

14.11.08

secolo xix Soddisfazione nella polizia: fine di un incubo

Soddisfazione nella polizia: fine di un incubo

La parola d’ordine è: cautela e poche parole. Ma il sospiro di sollievo
arriva, eccome, dai vertici della polizia italiana. Gianni Luperi, ex
vicedirettore dell’Ucigos, oggi ai vertici dell’intelligence italiana, è
uno dei grandi nomi finiti assolti nel processo Diaz. Spiega al Secolo
XIX: «Quando ho fatto spontanee dichiarazioni in aula, ho detto che avevo
fiducia nella giustizia. Oggi non posso che riconfermarlo». Gilberto
Caldarozzi, ex vicedirettore e ora capo dello Sco, si limita al più
tradizionale dei no comment: «No, non rilascio dichiarazioni». La venatura
di soddisfazione che traspare dalla sua voce è solo un’illusione fonica?
No, proprio no.


Carlo Di Sarro, all’epoca numero tre della Digos e oggi dirigente del
commissariato di Rapallo, sospira: «Hanno creduto a quel che abbiamo
sempre detto: siamo stati ingannati da qualcun altro. Ma stasera voglio
stare serenamente a casa, i commenti a domani». Il numero uno della Digos
era Spartaco Mortola, oggi questore vicario a Torino. «Sono alla partita e
siamo sotto di tre gol», scherza, risfoderando la sua passione genoana.
Poi si fa serio: «Ho avuto quello che meritavo. E ringrazio soprattutto i
miei avvocati. Ho sempre detto la verit ».

Sull’altro fronte la rabbia e la delusione sono grandi. Alla lettura della
sentenza, esplode la protesta con urla di «vergogna vergogna». Il primo a
parlare è Vittorio Agnoletto, all’epoca portavoce del Social Forum, oggi
eurodeputato di Rifondazione Comunista. Lo fa in aula, circondato dalle
telecamere, appena terminata la lettura della sentenza: «È una delle
giornate più tristi nella storia della Repubblica dal dopoguerra. Tutti
coloro che vestono una divisa non sono più tenuti a rispettare le leggi e
la Costituzione. Coloro che erano ai vertici dell’ordine pubblico, coloro
che hanno firmato dichiarazioni non corrispondenti al vero, coloro che
hanno simulato reati, coloro che hanno cercato in ogni modo che la
giustizia facesse il suo corso hanno vinto».

Poi il segretario dei Comunisti Italiani Oliviero Diliberto: «Ancora una
volta l’Italia si conferma il Paese nel quale pagano solo i sottoposti e
gli esecutori, mai i capi. Giustizia non è stata fatta». Paolo Cento,
Verdi: «Le responsabilit di vertice rimangono al di fuori di qualsiasi
valutazione sulle responsabilit ». Francesco Caruso, ex parlamentare di
Rifondazione Comunista e all’epoca del G8 uno dei leader dei no global:
«Una sentenza squallida, come sempre si colpiscono le pedine più
insignificanti». La madre di Carlo Giuliani, l’ex senatrice di
Rifondazione Comunista Haidi Giuliani parla di «mancanza di dignit e di
coraggio».

Il centrodestra parla in prima battuta per bocca del ministro della Difesa
Ignazio La Russa: «Si può dire che cade il teorema del complotto, cioè la
tesi di chi sosteneva che a Genova ci fosse stato qualcosa di organizzato,
che coinvolgeva il livello alto della polizia». La Russa prosegue e la sua
è una difesa a tutto campo: «Ancora di più è importante esaminare le
motivazioni per chi ha subito le condanne. Un po’ quegli atti li
conoscevo, perché ho anche difeso come avvocato alcuni degli agenti
condannati, e non vorrei che la sentenza sia stata ingenerosa nei loro confronti». Gli fa eco il presidente del Pdl al Senato Maurizio Gasparri:
«Valuteremo con calma la sentenza sui fatti della scuola Diaz. Intanto
prendiamo atto che più della met degli imputati è stata assolta. Il che
ridimensiona la violenta campagna contro le forze dell’ordine da taluni
fatta finora». Il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini spiega: «Siamo
lieti che la giustizia ordinaria riconosca una verit nota a tutti gli
italiani e cioè che al vertice della Polizia di Stato in Italia ci sono
stati e ci sono autentici galantuomini e servitori delle istituzioni. Il
tentativo di criminalizzare, per i fatti del G8 di Genova, i vertici delle
forze dell’ordine si è rivelato per quello che era: un’autentica
persecuzione».

Claudio Burlando, presidente della Regione: «C’è amarezza per il fatto che
questa sentenza interviene sette anni dopo i fatti con la possibilit che
si incorra nella prescrizione: una giustizia lenta è anche una giustizia
non efficace. È stato accertato che sono stati commessi dei gravi reati
contro cittadini inermi italiani e stranieri e mi chiedo come sia potuto
avvenire senza indicazioni, o almeno il mancato controllo, dei superiori».
Gianni Plinio, An, contrattacca: «È miseramente fallito il tentativo
durato anni di criminalizzare la polizia italiana, che è invece sana».

Marta Vincenzi, sindaco di Genova, presente in aula alla lettura della
sentenza, commenta: «È un primo passo, ma per capire davvero cos’è
accaduto in quei giorni serve, una volta per tutte, una commissione
parlamentare d’inchiesta».

.
.